Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa

primacasa.jpgAgevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa: le imposte per l’acquisto della prima casa sono tipicamente le  imposte di registro, le imposte ipotecarie e catastali e l’IVA ma solo se si acquista da un’impresa che venda la casa entro i 4 anni dalla data di fine lavori.

Il tema è complesso ed ovviamente solo il vostro notaio può e deve aiutarvi ma eccovi qualche suggerimento: Potete usufruire delle agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa se intendete acquistare un immobile ad uso abitativo incluse eventuali pertinenze: box, cantine ma non deve essere di categoria “lusso” indicate dal decreto ministeriale 2 agosto 1969, in “Gazzetta Ufficiale” 218 del 27/08/1969.

Attenzione pero’ per poter usufruire delle agevolazioni l’acquisto deve essere effettuato

–  da un privato cittadino o da un’impresa non costruttrice o da un’impresa costruttrice ma attenzione che venda un immobile ultimato da più di 4 anni se no come già scritto dovete pagare l’IVA.

Ma quali sono le Agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa?

  • l’ imposta di registro è del  3% invece del 7%. Da notare che l’imposta di registro va calcolata sul valore catastale dell’immobile e non su quello commerciale.
  • l’imposta ipotecaria è un valore fisso di 168 euro invece del 2% del valore catastale dell’immobile.
  • l’imposta catastale è un valore fisso di 168 euro invece del 1% del valore catastale dell’immobile.
  • L’Iva se foste obbligati a pagarla si riduce al 4% dal 10% ma si applica sul valore d’acquisto (prezzo indicato nel rogito ndr).
  • parcella notarile per il rogito: avete diritto ad una riduzione del 30%

Quali sono i requisiti per le Agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa?

  • non dovete averne già usufruito in precedenza ma se vendete e ricomprate sempre una prima casa allora ovviamente si riapplicano (qualora poi passino 5 anni dall’acquisto potete anche vendere la prima casa senza comprarne un’altra senza perdere le agevolazioni ma se lo fate prima incorrerete anche in sanzioni).
  • Non dovete essere proprietario al 100% o in comunione con il coniuge di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di un’altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove sorge l’immobile oggetto dell’acquisto agevolato;
  • Non dovete essere titolare, neppure per quote o in comunione legale con il coniuge, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà o nuda proprietà, usufrutto, uso e abitazione su altra casa di abitazione acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni fiscali prima casa.
  • dovete essere residenti nello stesso comune dell’immobile che acquistate ma potete comunque effettuare il cambio di residenza entro 18 mesi dall’acquisto
  • non è necessario che l’immobile acquistato sia destinato ad abitazione propria e/o dei familiari, può essere acquistata con le agevolazioni “prima casa” anche un’abitazione affittata o da affittare dopo l’acquisto

Argomenti correlati:

Agevolazioni fiscali per acquisto prima casaultima modifica: 2010-02-13T11:19:07+01:00da biker_hd
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa

  1. Salve, mi sono iscritto ad una cooperativa edile dalla quale acquisterò (una volta ultimata) la mia prima casa, costruita in area PEEP, in diritto di proprietà, usufruendo dei benefici fiscali. Dovendo prenderci la residenza entro 18 mesi, posso poi affittare l’appartamento? e se si come si concilia la mia residenza in un’appartamento nel quale presumibilmente dovranno prenderla anche gli eventuali inquilini? Grazie

  2. Buongiorno, premesso subito che non sono proprietario di case o immobili di nessun genere su tutto il territorio nazionale, il quesito che voglio porre è il seguente. Ho acquistato un alloggio da una impresa edile che sarà pronto per la consegna la prossima estate 2011. Attualmente convivo in affitto, senza contratto ma in amicizia e sulla fiducia, da tanti anni con una donna in una città diversa da quella in cui ho acquistato l’alloggio. Il problema è che lei non intende cambiare città e venire a stare nell’alloggio di mia proprietà. Ora io vorrei usufruire di tutti i vantaggi che si hanno per l’acquisto della prima casa però non abitarla personalmente ma affittarla a terzi. Tenga presente che l’alloggio acquistato è l’unico immobile di mia proprietà. Per non perdere il diritto di detti vantaggi è proprio indispensabile la residenza nel comune dove è ubicato l’alloggio? L’alloggio devo abitarlo personalmente? Posso affittarlo dopo aver usufruito dei vantaggi? Se si in quale articolo di legge è prevista questa ipotesi?
    Grazie per la gentile risposta.

  3. C’e’ qualcuno che sa darmi delle risposte ai seguenti miei quesiti?

    1) Devo vendere la mia prima casa comprata nel 1999 da un privato per il quale ho pagato l’imposta del registro pari al 3%,l’imposta catasatle ecc e poi devo subito dopo comprae un’altra casa da un costruttore che l’ha costruita finita circa sei anni fa e al quale penso di dovere pagare l’iva al 4%.
    2) Posso portare in detrazione la prima imposta cioe’ l’imposta del registro e chiedere al notaio di scontarla con l’iva che devo versare?

    3) se sì a quanto ammonta la detrazione di cui posso usufruire?

    Grazie tanto a chi sa rispondermi.

  4. Salve, sono in trattativa per la compra-vendita di una casa “prima casa” ad uso abitativo con il mio compagno, ma non siamo ancora sposati, volevo sapere se posso richiedere degli incentivi statali o agevolazioni fiscali in merito ancora ad oggi (rispondo di tutte le caratteristiche menzionate sopra),dato che l’articolo risale a qualche anno fa, o per lo meno a chi posso rivolgermi per avere maggiori informazioni nel dettaglio. Spero siate tanto gentili da informarmi al più presto in merito data la confusione di informazioni che sono in circolazione rispetto all’argomento. Vi ringrazio anticipatamente e Vi auguro buon lavoro.

  5. Buongiorno,
    ho acquistato con mutuo un’abitazione, usufruendo delle agevolazioni 1^ casa, nel febbraio 2011. Tale immobile l’ho dato in locazione a giugno 2011 e io ho mantenuto la residenza anagrafica ed abituale in un appartamento di proprietà di mio padre nello stesso stabile in cui ho acquistato l’immobile 1^ casa.
    Quesito:
    posso usufruire delle agevolazioni fiscali (detrazione costi perizia, fattura mutuo e spese di istruttoria e gli interessi passivi fino ad un massimo di circa 2500 € annui) anche se l’immobile 1^ casa è locato, considerando che ho la residenza anagrafica nello stesso stabile in cui c’è l’appartamento 1^ casa?
    Se per usufruire delle detrazioni devo necessariamente abitare l’immobile 1^ casa, entro quanto tempo dall’acquisto devo abitarlo? 18 mesi?
    Grazie in anticipo

Lascia un commento